Sunday, March 27, 2016

Per Pasqua: Il grembo stanza 208 di Joana Dhiamandi



Il grembo, stanza 208” Atelier sul Mare Museo Albergo di Antonio Presti, Castel di Tusa (Me)
Progetto: arch. Joana Dhiamandi

Guardate che bellezza che è questa stanza, pensata come un grembo: dolce, flessuosa, in questo caso giustamente fluida!  Acqua, luce, suono, feto. Ci sembra bello regalare ai nostri amici questa idea di nascita,  proprio oggi, no? Immaginate quanto bello passarvi una notte e soprattutto svegliarsi la mattina in questo dolce avvolgente grembo materno. Una resurrezione!

Joana Dhiamandi è l’autrice  di questa stanza per il Museo Albergo di Antonio Presti. La storia è altrettanto bella della realizzazione. Joana è venuta due volte ai workshop del Sicily Lab di Gioiosa Marea e  oggi è una giovane docente dell’università Polis dei miei amici Besnik Aliaj, Sotir Dhamo e Antonino Di Raimo.
Questa estate - finito il progetto che abbiamo fatto tutti insieme per Fiumara d’arte - mi disse che voleva fare una stanza all’Atelier sul mare. Discutemmo a gennaio, oggi ecco questo straordinario progetto.  Ecco come Dhiamandi lo descrive:

«The WOMB is a sacred source of life, the place where the light comes. A loving space and resource where a family is nurtured through preconception, pregnancy, birth. From the moment of conception, every human embryo embarks on an incredible journey of development. In the Womb to open a window into the hidden world of the fetus and explore a new dimension of experience this journey in the adult stage. 
The room is a combination of 4-dimensional real-time grapho_acousting "animation" where the shape of the inflatable structure function like a whistle, brings from the window, the sound of outside, on the stage of the room and builds an acoustic experience. 
From the round/spheric bed, it is possible to feel the source of light; There are two materials colors, (the material of the inflatable structure and the corten material of the furniture) the light is integrated on the source water emphasizing the present of water in the process of life. Water, light and inflatable are ways to aspire transparency, immateriality, focusing on the spatial experience. The wardrobe is a floating hanger; the mirror is both sides, function as a divider and reflecting the space at the same time. 

The WOMB, the window to the moments that a shed is created..... »

Il grembo, stanza 208” Atelier sul Mare Museo Albergo di Antonio Presti, Castel di Tusa (Me)
Progetto: arch. Joana Dhiamandi


0 Comments:

Post a Comment

<< Home