Sunday, April 28, 2013

Massimo Bray, Ministro della cultura


Massimo Bray tra poche ore giurerà come Ministro della Cultura. Voglio sottolineare che Bray è il direttore della rivista «Italianieuropei», una tribuna molto seria e qualificata del dibattito culturale e politico in Italia: ha tutte le credenziali per essere un ottimo Ministro, cosa che tutti vogliamo. Bray alcuni mesi fa mi ha invitato a scrivere un articolo su La città e la rivoluzione informatica per «Italianieuropei» n. 8 2012. Come non esprimere grande soddisfazione oggi per la sua nomina? E come non sottolineare con un pizzico di orgoglio che il nuovo Ministro della cultura ha invitato proprio il sottoscritto con solo un altro collega della Facoltà di Architettura di Roma La Sapienza a scrivere a proposito di "Focus sulla città". Credo anche che il mio pezzo sia ben riuscito, forse uno dei miei migliori su questo tema. Per quest'insieme di ragioni lo rendo disponibile a chi vuole passare quindici minuti a leggerlo. Eccolo

La città e la rivoluzione Informatica

Tuesday, April 23, 2013

Pubblicata la dissertazione di Antonino Saggio progettare la residenza


Si tratta della Dissertazione dottorale di Antonino Saggio che viene pubblicata a 23 anni dalla difesa per il titolo di Dottorato di ricerca. L'interesse è innanzitutto di metodo, perché la dissertazione rappresenta un chiaro esempio di lavoro scientifico nell'ambito della progettazione architettonica. L'uso dell'infinito «progettare» dichiara l'intenzione di offrire un testo che si collochi a metà strada tra il saggio e il manuale. La scrittura è discorsiva, e non rigidamente prescrittiva, ma i contenuti sono strutturati secondo categorie esplicite (spazi, sistemi, configurazioni, metodi) che facilitano l'utilizzazione operativa delle informazioni. Il lavoro si occupa di quattro aspetti del progetto residenziale: 1. l'inserimento in contesti già edificati e non solo nei terreni di nuova urbanizzazione; 2. la differenziazione degli spazi residenziali 3. l'innovazione dei sistemi distributivi 4. l'impostazione di un metodo per coordinare le relazioni tra gli «attori» che partecipano al progetto.


Gratis per 48 ore
Link

Tuesday, April 16, 2013

DIARIA - TEMPORARY AIR FARM Un progetto dal Basso Da Sostenere con una piccola donazione


Diaria è un progetto installazione che propone un gonfiabile interattivo che assorbe CO2 e rimanda ossigeno e, respirando, si muove come un polmone. Dentro, un giardino di piante particolarmente iperattive per questo processo. Si "farebbe" davanti alla galleria Come se, il 5 e 6 maggio in rapporto al mega evento "OpenHouse" Roma. E' un progetto autofinanziato: se ci credete donate 5 euro (vi saranno accrediti solo se si raggiunge la quota di 2000). Andando al sito capirete anche l'intelligenza del portale "produzioni dal basso" che aiuta chi vuole realizzare liberamente una idea. Senza camarille, senza finanziamenti pubblici, senza storielle di imboscamenti successivi ma con la voglia di fare. Donate!
Donate per la realizzazione di Diaria nel corso di Open House 4 e 5 maggio 2013. Bastano 5 euro. !!!

DIARIA - TEMPORARY AIR FARM, un padiglione gonfiabile itinerante, in grado di ripulire l'aria inquinata attraverso un micro-giardino collocato al proprio interno.
Guarda qui: http://www.diariaproject.org/

Grazie a micro-donazioni da 5 euro si potrà realizzare e allestire DIARIA in esclusiva nei giorni 4/5 Maggio nell'ambito della manifestazione internazionale "Open House Roma 2013".
Per donare seguite questa semplice procedura:
1. Registratevi al sito www.produzionidalbasso.com
2. Cliccate su SOSTIENI quihttp://www.produzionidalbasso.com/pdb_2264.html
3. Scegliet il numero di quote da donare )cvnhe una sola quota pari a 5 euro)
4. Solo a obiettivo raggiunto (2000euro in questo caso), con una email di conferma si chiederà di effettuare il pagamento online.

Diaria è un progetto di Tiziano Derme e Umberto Di Tanna in collaborazione con Nitro Group e Galleria "Come Se".

DALLE PAROLE AI FATTI...DONA E CONDIVIDI!

Grazie!

Sunday, April 07, 2013

Città Sprecata di Marco Carta su Paese Sera

Volevo segnalare la sezione "Mappe" di Paese Sera di Aprile 2013 che è in edicola.
Contiene un articolo su sei pagine a firma del giornalista Marco Carta con fotografie di Francesco Natalucci intitolato "La Città Sprecata".  Naturalmente siamo lieti che il lavoro della mia cattedra a Sapienza sia ricordato e con bella evidenza. E' un riconoscimento che immagino farà un gran piacere agli studenti che hanno lavorato e lavorano ancora i a queste idee all'interno del  Laboratorio IV. Eccoli, con i blog attivi e caldi. Stiamo concentrandoci nell'ansa del Tevere a Sud di Ponte Milvio quest'anno. I risultati arriveranno il 20 luglio.
L'articolo rivela dati impressionanti, 1200 ettari, a Roma sono occupati da edifici abbandonati, e il reportage ne fa vedere alcuni.
Dico alla fine che "più la città cresce più aumentano queste down areas." Sono proprio down, questi vuoti urbani e questi relitti, ci deprimono, ci buttano giù e bisogna lavorare per far cambiare le cose.