Tuesday, November 08, 2005

Un Museo Ipogeo, Tesi di Luigi Valente a La Sapienza


Guardate il Movie movie 3 minuti circa.


In questa trasmissione si presenta un video di Architettura particolarmente interessante redatto da Luigi Valente per la sua Tesi di Laurea "Museo Ipogeo nella valle del Volturno. Un testo architettonico evoca un antico manoscritto medioevale" discussa con Saggio relatore a La Sapienza.
Il video presenta sinteticamente il progetto di una struttura museale atta a presentare e a conservare i dati riguardanti un antico e affascinante codice miniato mediovevale - Il Chronicon Vulturnense.
L'edificio museale vuole catturare alcuni aspetti del manoscritto e renderli partecipi al visitatore attraverso le scelte architettoniche e di allestimento. Distribuito in sei livelli verticali, la caratteristica primaria dell'edificio è incassarsi nel terreno per più di 2/3 della sua sezione. La volontà di astrarsi dal contesto, alla ricerca di un rapporto diretto con la terra, evoca antiche pitture medievale e colloca la costruzione come un minerale emerso dal paesaggio aspro del beneventano dove corre il primo tratto del fiume Volturno.
Vedi le tavole della tesi.

6 Comments:

Blogger Riki said...

Molto interessante soprattuto l'animazione, non entro nel merito del progetto. Volevo solo dire che penso sarebbe stato interessante vedere anche dove questo edificio si colloca. Nel video pare sia immerso nel verde però non si capisce molto.

12:14 pm  
Anonymous esc11 said...

l'animazione è entusiasmante; complimenti a colui che l'ha realizzata...complimenti anche alle sue iniziative, caro professor Saggio,sempre entusiasmanti. Buon lavoro.

7:52 pm  
Blogger Riki said...

beh anch'io mi complimento per le sue iniziative pofessor Saggio, penso che un blog sia uno strumento grandioso per affrontare una discussione di qualsiasi genere e per venire a contetto con nuove realtà (soprattutto tramite i commenti delle persone). Sarebbe bello se pubblicasse anche qualche sua lezione (magari solamente come file audio)

11:22 pm  
Blogger Antonino Saggio said...

In effetti il progetto emerge in uno spazio che non configura. Questo aspetto è pero parzialmente giustificato dalla natura stessa del tema progettuale e dalla particolare sintassi compositiva adottata. In ogni caso un'idea della localizzazione si può avere seguendo il link "tavole" alla fine del pos o seguendo questo link
http://www.arc1.uniroma1.it/saggio/DIdattica/Tesidilaurea/Valente/1.Htm

7:42 pm  
Anonymous luigi valente said...

Ringrazio chi ha apprezzato il video del museo ipogeo. In particolare volevo rispondere a riki, che si domandava dove fosse collocato. Forse dal link alle tavole, dato dal professore, è più chiaro, ma in ogni caso la tua intuizione è corretta, il museo è nel verde, infatti è in un area non distante dalle foci del volturno (in una valle), dove la natura è ancora molto forte ed “incontaminata”.
La natura predominante è uno dei motivi per cui è avvenuta la discesa verticale dell'edificio, cercando l'astrazione (visto il tema trattato) e nello stesso tempo la discrezione, creando volumi emergenti poco invadenti. Quando ho cominciato ad affrontare la progettazione di un elemento così particolare avevo molto presente che poteva essere criticato, vista la forma ad “iceberg”, ma ero mosso da dei concetti che volevo esprimere ed ho rischiato.
Tornando nel merito della “domanda”, purtroppo nel video il verde che circonda il museo non è stato rappresentato al meglio, solamente per problemi di calcolo ed elaborazione.
Grazie ancora e complimenti al professore Saggio che con questo podcast si mostra sempre all'avanguardia della comunicazione moderna.

1:48 pm  
Anonymous giovanni said...

Salve, sono uno studente della facoltà di ing. edile-architettura di ancona,stavo facendo ricerche per un esame in cui c apprestiamo a progettare uno spazio ipogeo nel contesto di una città vietnamita,e m sono imbattuto in questo interesante progetto, volevo complimentarmi per il lavoro davvero notevole.

4:37 pm  

Post a Comment

<< Home